l’allenatore nel pallone 2

locandina l'allenatore nel pallone 2

Prima di iniziare è necessaria una premessa: il vostro affezionato recensore non sarebbe mai andato a vedere questa… “cosa” se non fosse stato costretto con l’inganno a farlo. Ciononostante non può che sentirsi in colpa.
Questione di etica: madornali schifezze come questa specie di film con Lino Banfi e Anna Falchi (un cast d’eccezione, come si suol dire) non significano solo 2 ore e 5 euro buttati nel gabinetto, ma – ciò che è più grave – un insulto e uno spreco di denaro per il già abbastanza disastrato cinema italiano. Insomma, parliamoci chiaro: con i soldi utilizzati per produrre questo obbrobrio che non ha una sceneggiatura e non fa nemmeno ridere – soldi che in gran parte saranno presumibilmente andati in tasca ai molti, troppi ospiti “illustri”, perlopiù calciatori, che accompagnano la performance dell’attempato pugliese – si sarebbero potuti finanziare alcuni dei molteplici film degni di questo nome che ogni anno, nel nostro stupido Paese, non trovano nemmeno quei pochi euro di cui avrebbero disperatamente bisogno. La miopia dei nostri produttori ha un qualcosa di imperscrutabile e crudele.
Per quanto riguarda il film in sè… bah, non vale nemmeno la pena di entrarne in merito. Non c’è niente, niente di niente che si possa salvare o anche solo ricordare senza il massimo disprezzo: le battute sono così stupide che non possono suscitare ilarità in chi abbia compiuto più di otto anni, la trama non esiste, gli attori sono squallidi, gli “effetti speciali” ancora peggio. Questo film è il trionfo della deprecabile cultura calcistico-televisiva, quella specie di corte dei miracoli ricoperta d’oro che parte col Grande Fratello e finisce con Controcampo: un profluvio di tette e sponsor in bella vista che nemmeno una pubblicità di telefonini. Quando poi Banfi si commuove (non si capisce bene per cosa, ma evidentemente alla scuola di sceneggiatura è richiesta almeno una scena patetica a film) e abbraccia in lacrime il nipote ricordando il passato con un sottofondo di musica struggente, be’, lì finalmente una risatina ci scappa. Peccato che si tratti degli unici tre minuti di film che non vorrebbero far ridere.
Un disastro sotto ogni punti di vista. Uno schifo senza un perchè.
Disgustorama.

Alberto Gallo

Annunci

3 thoughts on “l’allenatore nel pallone 2

  1. Sì, me ne rendo conto cara anonima spettatrice, ma il fatto è che parlare in altro modo di un film del genere sarebbe fare il suo gioco. Questi film non dovrebbero esistere e ciò va detto.
    Omaggi,
    Alberto

  2. caspita albi ma passi la vita al cinema! cmq mi piace questa tua stroncatura nel mio stile.
    Non ho visto il film ma il trailer prometteva addirittura meno del tuo coomento…
    Onore però al Banfi/Canà vecchio stile.
    Sono invece molto interessato al nuovo di Carpenter. Andrò e ti dirò
    Albi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...