wanted

locandina wanted

Continua la rassegna dei filmacci dell’estate, quelli che i disperati come il sottoscritto che non vanno in vacanza si sorbiscono a intervalli regolari tanto per dimenticarsi per qualche ora di lavoro, caldo e strade bucate.

Dopo Hulk (molto deludente) e Hellboy 2 (abbastanza carino) è la volta di Wanted. Che non è poi così schifoso. Mi spiego: si tratta di una pellicola di una banalità sconcertante (i primi minuti sono praticamente un remake un po’ più ironico di Matrix – ma d’altronde essere meno ironici di Matrix è impossibile), piena dei più triti luoghi comuni thriller-fumettistici e tamarra quanto basta.

Eppure, come dire, si fa guardare.

E non mi sto riferendo a Angelina Jolie, che bella è bella ma si concede ben poco (la scena della schiena nuda – furbamente inserita nel trailer – è l’unica un po’ piccante e dure tre secondi netti), quanto piuttosto al ritmo incalzante e ai buoni quanto esagerati effetti speciali.

L’aspetto più deludente del film (che comunque una sufficienza estiva la strappa) è quello morale. Per due motivi: innanzitutto perché la storia del travet frustrato, ansioso e cornuto che diventa un giustiziere-supereroe non solo è vecchia come il mondo, ma è anche falsa (che male c’è a fare il contabile? E ve lo dice uno che odia qualsiasi cosa preveda l’utilizzo di numeri) e pericolosa (quanti poveri sfigati americani, per non sentirsi ancora più sfigati, vorranno imitare le gesta del buon James McAvoy?). Poi perchè l’idea di una “confraternita” similfascista che uccide gente a caso (sì, esatto: a caso) non è proprio il massimo del progressismo.

E altre due ore di questa stupida estate che è appena all’inizio se ne sono andate (grazie Manu). Yuhu!

Alberto Gallo

Annunci

6 thoughts on “wanted

  1. Prego tesoro!
    Dai su non ti preoccupare ci inventeremo qualcosa…la mia offerta della fuga dai bagni de La Stampa è sempre valida!
    ciao
    Manu

  2. a me non è dispiaciuto..tamarrissimo, girato in pieno stile bekmamentov o come cavolo si chiama (molto guy ritchie in certe scene), l’idea(tratta comunque da un fumetto) è si abbastanza scontata ma non è male e le persone dai, non vengono uccise a caso(se non fosse per SPOOOOOILEEEERRR quel pirla di morgan!FINE SPOOOOILEEER)…poi, dai seriamente va be che gli americani son in fissa per queste storie da vendetta dello sfigato ma non credo si sentirà parlare di un contabile che si mettte li a far il giustiziere perchè ha visto wanted……

  3. Era una specie di battuta.
    Ma non si può mai sapere: se c’è qualcuno che scala i grattacieli credendosi Spiderman…
    Per quanto riguarda le uccisioni a caso, be’, il destino è proprio quello. O no?
    😉
    alberto

  4. ma, sarà…però secondo me se ti facessi un giro nel mio ufficio cambieresti idea, ci sono un paio di colleghe alle quali mai e poi mai farei vedere questo film…. 😛
    ciau
    una contabile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...