il grinta

TRUE GRIT (Usa 2010)

locandina il grinta

Il cinema dei fratelli Coen sta all’America tutta (ma in particolare all’America piccola, di provincia) come quello di Martin Scorsese sta a New York: è un cinema che, attraverso una grande varietà di generi, registri e stili, rimbalzando tra i decenni, talvolta tra i secoli, ha saputo e sa indagare nella società e nella storia di quel grande e lontano Paese, arrivando, col tempo e forse in maniera casuale, sicuramente involontaria, a creare dell’America una mitologia per immagini, un lacunoso corso di storia contemporanea capace di leggere tra le righe di un luogo forse mai esistito, con affetto, timore e feroce ironia. Un percorso, quello dei fratelli del Minnesota, che attraverso gli anni Cinquanta (Mister Hula Hoop) e il decennio successivo (A serious man), gli anni Quaranta (Fratello, dove sei?) e il decennio precedente (Crocevia della morte), fino ai giorni nostri (che erano gli anni Novanta del Grande Lebowski e il XXI secolo di Burn after reading) giunge ora al suo approdo più naturale, il genere con cui grandissima parte dei maggiori registi di Hollywood ha, prima o poi, dovuto fare i conti: il western.

Un confronto che si sviluppa tutto sommato in maniera abbastanza tradizionale, senza grandi scossoni e innovazioni, quasi con timore reverenziale: Il Grinta non appartiene al filone di quei western (Il mucchio selvaggio, Per un pugno di dollari, Gli spietati…) che hanno voluto e saputo, in modi anche molto diversi, portare avanti un genere ormai antichissimo, innovarlo, conferirgli nuovi significati. E d’altronde non è che se ne sentisse la necessità, considerato anche il fatto che, a modo loro, i Coen un western innovativo l’avevano già diretto, e si chiamava Non è un paese per vecchi. No, Il Grinta non è un’opera geniale e innovativa, e non verrà ricordato come il film (l’ennesimo) che ha fatto risorgere il genere western. Eppure si tratta comunque di una pellicola bellissima, esteticamente meravigliosa, recitata benissimo e toccante.

Protagonista è il vecchio sceriffo Rooster Cogburn, ubriacone e violento ma ovviamente, sotto sotto, un uomo dal cuore d’oro. Accanto a lui la giovane Mattie Ross, decisa a vendicare, attraverso la pistola di Cogburn, da lei assoldato come bounty killer, la morte del padre, ucciso dal fuorilegge Tom Chaney. Il film è tutto qui, un road movie d’inseguimento (cfr. Sentieri selvaggi) che procede, lentamente, con le cadenze di una fiaba: c’è un eroe (anzi due, anzi tre se consideriamo anche il texas ranger LaBoeuf), c’è una missione da compiere, ci sono degli ostacoli da superare e c’è un antieroe da punire. Come in tutte le favole l’obiettivo alla fine viene raggiunto, ma a quale prezzo?

È tutto perfetto in questo film: è perfetta l’incredibile fotografia, è perfetta l’alternanza tra scene d’azione e altre di quiete, è perfetto il bilanciamento di ironia e malinconia… Forse solo la resa dei conti nel pre-finale è un po’ sbrigativa, risolvendosi con una sparatoria non molto originale e una serie di coincidenze/ribaltamenti poco credibile. Ed è perfetta, come dimenticarlo, la prova del cast, con un Jeff Bridges alla sua interpretazione migliore dai tempi del Dude, un Matt Damon (l’attore più sopravvalutato di Hollywood) finalmente libero da quei ruoli pesanti e lacrimosi che da sempre caratterizzano la sua carriera e, soprattutto, la sorprendente Hailee Steinfeld, classe 1996: speriamo che non faccia la fine dei tanti attori adolescenti usa e getta che affollano i set americani.
Che bel film, grazie fratelli Joel e Ethan Coen! Candidato a dieci-dico-dieci premi Oscar, almeno tre li meriterebbe.

Alberto Gallo

Annunci

6 thoughts on “il grinta

  1. Ciao Alberto, sto un pò arretrato con i film ( lavoro, convegni..).
    Ho visto il film. Adesso leggo la tua recensione ( non leggo mai le critiche prima di aver visionato un film ).
    Che dire.
    E’ qualcosa da non perdere; il tutto si snoda attraverso quadri perfetti alternando scene caravaggesche a scene impressioniste.
    Concordo in tutto, anche su ciò che non è scritto.. vieni a leggere la mia recensione; capirai perchè lo considero ” un’opera geniale ed innovativa”. Insomma qualcosa che assomiglia ad un capolavoro.
    A presto Sandro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...