i ragazzi stanno bene

THE KIDS ARE ALL RIGHT (Usa 2010)

locandina i ragazzi stanno bene

No, la quasi omonima canzone degli Who non c’entra niente: I ragazzi stanno bene è una di quelle commedie agrodolci americane indi-sofisticate che ti fanno uscire dal cinema con il sorriso sulle labbra e la sensazione di aver assistito a uno spettacolo se non memorabile quantomeno intelligente e ben confezionato. Un po’ sulla falsariga di Little Miss Sunshine, di Sideways e del recente American life.

La vicenda è piuttosto semplice, quasi già vista: Laser e Joni sono fratello e sorella, nati per inseminazione artificiale da una coppia di mamme gay, Jules e Nic. Tutto fila a gonfie vele in questa famiglia moderna e benestante, fino al momento in cui Laser convince Joni a contattare Paul, che molti anni prima aveva donato lo sperma da cui poi sarebbero nati i due fratelli. La presenza di questo ragazzo aitante e belloccio sconvolge gli equilibri della famiglia, proprio alla vigilia della partenza di Joni per il college.

È tutto molto carino e progressista in questa pellicola diretta da Lisa Cholodenko (che, guardare per credere, ha trasformato una delle protagoniste, Annette Bening, nel suo ruolo migliore dai tempi di American beauty, nel perfetto clone di se stessa): coppie lesbiche, sesso leggero e occasionale, vini rossi d’annata come se piovesse, cibi biologici… Siamo lontani chilometri e chilometri da quelle tematiche, ormai un po’ logore sebbene forse più realistiche, che in molti film recenti affrontano la crisi della famiglia, la generazione droga&facebook, la decadenza economica e morale che va a distruggere i rapporti interpersonali e via dicendo. I ragazzi stanno bene è l’opera perfetta – ottimista, consapevole, sorridente – per l’epoca di Barack Obama, questi anni illusori in cui per qualche tempo si è sperato che l’intelligenza di pochi potesse contrastare l’ignoranza di molti. Un film in cui si ride un po’, si sorride parecchio, ci si intristisce di tanto in tanto (anche a causa delle – brutte – musiche di Carter Burwell) e del cui cast si può apprezzare l’ottima prova: notevole la Bening così come Julian Moore e Mark Ruffalo, ma anche i ragazzi (Joni è Mia Wasikowska, già Alice per Tim Burton) non se la cavano male. Da vedere, se possibile, in lingua originale.

Alberto Gallo

Annunci

2 thoughts on “i ragazzi stanno bene

  1. Appunto, la famiglia ai tempi di Obama.
    Ma il film pone gli eterni interrogativi che possiamo ritrovare in ogni tipo di famiglia: Amore passionale e forse fugace o Amore quieto e forse duraturo?
    Ancora, nella crescita dei figli è ancora necessaria la figura del padre e della madre?
    Problemi, devo dire, che sono stati posti in maniera estremamente leggera dalla regista che in con un procedere elegante confeziona un prodotto godibile, dalle varie sfaccettature e non monolitico.
    Ciao a tutti ed a presto

    1. sì, è vero, un film leggero ma non banale e godibilissimo. soprattutto trovo che sia un film intelligente, abbastanza lontano dalla stupidità imperante, pur non essendo certo un capolavoro.
      alberto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...