the tree of life

THE TREE OF LIFE (India/Uk 2011)

locandina the tree of life

Una famiglia americana come tante. Una casa nei sobborghi alberati di una cittadina di provincia. Un padre severo, una madre dolce e silenziosa, tre figli maschi. Uno di loro muore, forse in guerra, gettando la famiglia nello sconforto. Molti anni dopo il figlio maggiore, ormai adulto, ripensa alla sua infanzia, al fratello morto, alla crudeltà del genitore.
Poi, però, i personaggi spariscono dallo schermo. Anzi: l’uomo sparisce dallo schermo. E le immagini traghettano lo spettatore indietro nel tempo, a un’epoca in cui il nostro pianeta era solo un ammasso di lava e creature meravigliose che noi esseri umani non potremo mai vedere. Passano i fotogrammi, i millenni, ed è l’epoca dei dinosauri, sdraiati pancia all’aria su una spiaggia tropicale o a mollo nelle acque di un fiume in mezzo a un bosco fitto di vegetazione. Ci pensa un asteroide a spazzarli via dalla faccia della terra, giusto in tempo per l’arrivo – nel nostro caso: il ritorno – dell’uomo, con le sue piccole gioie, le sue angosce, le sue aspirazioni divine e i suoi problemi così lontani dalla vita animale. Verso un finale dove tutto e tutti si ritrovano, senza età, senza passato e senza futuro, su una spiaggia “interiore” sospesa nel tempo e nello spazio.

Si potrebbe fare della grande ironia su questo The tree of life, atteso ritorno alla regia dell’immenso Terrence Malick. Si potrebbe pensare che il maestro, alla soglia dei settant’anni, si sia bevuto il cervello, o che le lodi sperticate rivolte dal mondo intero ai suoi film precedenti gli abbiano fatto montare la testa, relegando la sua arte in un compiaciuto delirio di onnipotenza. Considerazioni in parte condivisibili, una volta ammesso, a malincuore, che si tratta in ogni caso dell’opera più debole del regista texano. Eppure rimane il fatto che dietro queste immagini fini a se stesse, dietro questa storia (se così si può chiamare: The tree of life è un film smaccatamente antinarrativo) che sembra non andare da nessuna parte, dietro la retorica e il patetismo incontrollati delle voci fuori campo, qualcosa c’è. C’è Malick, innanzitutto, con tutta la sua potenza visionaria, artefice di un film che corrisponde al 100 per cento al suo stile cinematografico (specialmente quello recente di La sottile linea rossa e The new world): tempi dilatati, un discorso sull’uomo e sul suo rapporto con la natura, una cinepresa che non sta mai ferma e che sembra inseguire i personaggi, coglierli alle spalle di sorpresa, non-dialoghi brevi e spezzati, un ininterrotto monologo interiore… Tutti elementi che possono piacere o non piacere, affascinare o annoiare, ma un film di Malick in stile Malick è comunque in sè un’esperienza estetica tra le più sorprendenti che il mondo del cinema possa offrire al giorno d’oggi – anche considerato il fatto che le immagini di questo regista sono, insieme a quelle di Stanley Kubrick, le più belle che la settima arte abbia mai partorito.

Ma non c’è solo questo, in The tree of life, non c’è solo l’esperienza di Malick, il suo curriculum, la sua innegabile capacità di sfornare meravigliose fotografie in movimento. C’è anche un profondo e toccante discorso sulla famiglia e sull’infanzia, sulla solitudine dei bambini, sul fallimento degli adulti. Molte volte, ieri sera, durante la proiezione del film, mi sono sorpreso a ripensare alla mia, di infanzia, ai miei piccoli traumi, al senso di isolamento e incomprensione che provavo da bambino, al rapporto che avevo, e in parte ancora ho, con i miei genitori. Ed è una cosa che non mi succede tanto spesso al cinema, luogo che per me significa innanzitutto evasione, distrazione – per quanto, ovviamente, non sempre in senso leggero. Non sarà un film molto coinvolgente, The tree of life, ma sicuramente è un film coinvolto, sentito, partecipato dal regista (anche sceneggiatore) in prima persona. E rimane alla fine, dopo questi 138 estenuanti minuti, un senso di occasione sprecata: se qualcuno, magari Brad Pitt, che oltre essere protagonista della pellicola ne è anche produttore, avesse posto un freno alla creatività dell’autore, magari cacciando a forza nel cestino del montatore quella mezz’ora di dinosauri ed eruzioni o quel patetico finale sulla spiaggia, ne sarebbe uscito qualcosa di sicuramente più coerente e digeribile.
Si parla già (stranamente) di un nuovo progetto per il texano, una “powerful and moving love story” ancora anonima, secondo Imdb, che sarebbe in fase di post produzione: attendiamo fiduciosi.

Alberto Gallo

Annunci

16 thoughts on “the tree of life

  1. Sei il primo di cui leggo commenti “freddini”. Parlano tutti di film del decennio, del millennio, della storia tutta, ecc… Io da parte mia non sto più nella pelle, ma riuscirò a vederlo solo martedì sera.

    1. mah, in realtà anche a cannes è stato accolto abbastanza freddamente, tanto che brad pitt ha dovuto difenderlo a spada tratta. in ogni caso vale la pena di vederlo, è sicuramente superiore alla media dei film in circolazione.
      ciao!
      alberto

  2. Alberto, concordo quando dici che Malick non si è bevuto il cervello e che è in perfetto stile Malick. Ma questo è croce e delizia di questa sua opera. Che, diciamolo, non arriva al cuore dello spettatore. A livello estetico è favoloso (e parlo di regia, fotografia, montaggio) ma dietro non c’è nulla, solo un abisso vuoto di emozioni che non arrivano. E’ la sua visione e visionarietà, e basta. Lo spettatore guarda tutto ciò con un enorme punto interrogativo sulla testa! Mah… non mi ha convinto… ne parlo sul mio blog: http://onestoespietato.wordpress.com/2011/05/28/the-tree-of-life-malick-delude/ è ovviamente un parere molto critico su un film/brutto ricordo…

  3. Non c’è cosa peggiore che andare al cinema con la convizione di assistere alla visione di un “capolavoro” e ritrovarsi dopo 20 min a guardare nervosamente l’orologio con la speranza che le prossime 2 ore passino in fretta…..Qualcuno l’aveva paragonato a “”2001 Odissea nello Spazio” del grande Kubrick…..Francamente siamo lontani anni luce e non basta la bellissima fotografia a farne un film…Manca l’emozione e quando esci dalla sala trovi facce smarrite in cerca di conforto….

    1. sì, è vero, manca l’emozione e il confronto con “2001” è un po’ fuorviante. però secondo me questo film ha i suoi momenti, o quantomeno è bello da vedere.
      ciao!
      alberto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...