red

RED (Usa/Canada 2010)

locandina red

Ex agenti/killer della Cia, ora in pensione, sono inseguiti dalla Cia stessa che per qualche motivo vuole farli fuori. Per qualche altro motivo insieme a loro c’è anche una giovane centralinista carina e un po’ tontolona. Posto che la trama è più o meno tutta qui, e posto che per film del genere non vale nemmeno la pena di spendere troppe parole, mi limiterò a fare qualche considerazione arguta e gratuita:

1) Ma quanti hanni c’ha Ernest Borgnine? Certo, potrei andare a cercare su Wikipedia, ma preferisco rimanere con questo inquietante interrogativo nella testa. Inquietante perché uno che già era più che adulto quando ha recitato in Da qui all’eternità (1953) e che già faceva la parte del vecchio reduce in 1997: fuga da New York (1981) deve avere come minimo un’età a tre cifre. E comunque pure Bruce Willis, protagonista di Red, è seriamente candidato a una lunga carriera cinematografica da vecchio reduce: se si pensa che già recitava l’uomo in crisi di mezza età in Die hard, che è del 1995… Per non parlare di Morgan Freeman, artisticamente (e forse anche biologicamente) nato già vecchio.

2) Tornando a Red: raramente mi è capitato di vedere film con una trama tanto sconclusionata e incoerente. Non dico che sia uno dei film peggiori che abbia mai visto, sebbene sia ben lontano dai migliori, ma è veramente uno dei peggio costruiti. Sembra scritto da un bambino di cinque anni che si inventa le avventure con gli amichetti. Ci sono anche un sacco di luoghi comuni dei film action che, stemperati nella prima parte da una buona dose di ironia e leggerezza, nell’ultima mezz’ora si scatenano in tutta la loro banalità.

3) Che piattezza, la regia di questo film! Voglio dire, se vuoi fare la parodia brillante di un action movie cerca almeno di buttarci dentro un po’ di cazzatine, un po’ di invenzioni divertenti, roba del genere… No, niente da fare, Robert Schwentke si limita al compitino. E pure io, che su questo film non ho proprio altro da dire.

Alberto Gallo

Annunci

6 thoughts on “red

  1. Al di là del fatto che non intendo difendere questo film nemmeno un po’, vorrei dire che l’hai presa un poco a male.
    Vorrei ricordarti che The tourist è un film di gran lunga peggiore e su questo non ammetto repliche.
    D’altro canto RED è un film talmente insignificante che non m’interessa nemmeno giudicarlo, non fosse altro che dietro c’è una vagonata di quattrini che manco voglio immaginare.
    La cosa che mi disgusta parecchio è la hype insostenibile che c’è stata attorno a questa cagata nei nostri quotidiani on line (cito Repubblica e LA GAZZETTA DELLO SPORT, che ha dedicato a questo film più spazio che a molti altri sport). Veramente un rapporto tra promozione ed effettiva qualità del film completamente sbilanciato e imbarazzante, cose che minano alle fondamenta la reputazione di un qualsiasi quotidiano che si permetta di dire qualcosa di più che non sia “è una cagata perfetta per dormicchiare e/o ridacchiare al cinema”
    Perché questo film è questo.

    p.s.: mi è balenata un’idea terrificante in mente… Di RED forse è persino meglio Hancock.

    1. diciamo che “the tourist” si prende pure sul serio, che è un difetto in più.
      non avevo notato l’hype sui quotidiani, ma non mi stupisce. se pensi a quello che succede con i ben peggiori cinepanettoni, che pure su giornali “progressisti” come repubblica vengono pubblicizzati all’inverosimile..
      ehehe, diciamo che con “hancock” è una dura lotta.. almeno lì gli effetti speciali sono un po’ più sofisticati.
      ciao!
      alberto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...