kung fu panda 2

KUNG FU PANDA 2 (Usa 2011)

locandina kung fu panda 2

Agosto afoso, terra vergine per i blockbuster estivi, appioppati a valanga in tutto il mese. Il panda del Kung Fu atterra con tutta la sua mole attorno al 20 del mese, accompagnato dal solito trambusto di pubblicità radiotelevisiva, su internet e carta stampata. Al 29 del mese finalmente ci si reca al cinema, lasciata scorrere la grande massa di quelli che vanno al cinema quando glielo dice la pubblicità, per vedere la seconda parte di questo ennesimo cartone animato in digitale e, udite udite, in 3d! Ebbene, una soddisfazione me la sono tolta: sono andato a vederlo nella versione normale, senza occhiali, senza mal di testa. E sapete che cosa? Mi è piaciuto molto, ho riso tanto e ho disturbato il pubblico attorno a me. Ma non voglio fermarmi a questo.

Non spenderò molte parole confrontando il secondo capitolo della saga con il primo, dato che è passato molto tempo e poco ricordo di quella prima apparizione del panda che fa il karate. Me ne scuso. Però, se ci pensate bene: non siamo stati tutti perplessi di fronte a questa invasione di bestie che fanno cose? Pinguini che surfano, orchi che salvano principesse, leoni che non ruggiscono, zebre nevrotiche, alieni non alieni, astronauti non astronauti, camaleonti solipsistici e mostri&co. C’è stato un momento, qualche anno fa, in cui io, appassionato di cartoni animati, ho gettato la spugna. Tutti insegnano la stessa cosa, americanissima: scava dentro di te, trova il coraggio per arrivare in fondo all’avventura, diventerai un vero panda/pinguino/orco/astronauta/camaleonte/pesce pagliaccio/robot che raccoglie l’immondizia. Alcuni te lo dicono in modo superlativo (e penso a titoli come quelli della Pixar, la saga di Shrek, quella di L’era glaciale), altri sono la copia di quelli superlativi (penso soprattutto alla saga di Madagascar): non si tratta di film necessariamente brutti o noiosi, ma probabilmente superflui. Altri sono oggettivamente orrendi, come Robots (complice anche il doppiaggio). E poi ce ne sono una vagonata che non ho visto perché non avevo voglia e basta: le sperimentazioni di Zemeckis, Shark Tale, Dragon Trainer… Il mercato americano sgorga di disegni animati, quando una volta ne bastavano due all’anno della Disney, e uno di qualche coraggioso concorrente (vi ricordate di Don Bluth?) e facevi il bimbo contento così; e poi c’erano i soliti giapponesi con i quali appartarsi quando il cocacolismo statunitense superava la soglia critica, e si cresceva, e si desiderava qualche figura e qualche storia un po’ più controverse e profonde. Ha davvero senso la colossale invasione a cui assistiamo ai giorni nostri? Un nuovo cartone ogni mese? Sempre e solo in digitale? Un animale da rendere trendy, a cui far fare qualcosa di buffo, far indossare vestiti da umano, far pronunciare sempre le solite cose ciniche fin quando non si convince a essere se stesso fino in fondo, nonostante il conformismo, viva l’individualità eccetera eccetera? A un certo punto devo confessare che io, amante sfegatato del disegno animato, mi sono proprio rotto le scatole.

Questo per dire che valutare un’opera come Kung Fu Panda 2 oggi è una cosa banale per certi versi e molto difficile per altri. Vale la pena di andarlo a vedere? Assolutamente sì: le immagini sono straordinarie, la tecnologia è migliorata vistosamente e il disegno è sempre più definito e fluido; le scene di combattimento dinamiche e originalissime; le trovate comiche costanti e spassose; la nuova nemesi dell’eroe panda Po, il pavone Shen, è strepitosa. Ho trascorso un’ora e mezza ridendo e ho pensato ne fossero passate tre. Kung Fu Panda 2 è puro intrattenimento concentrato, un investimento perfetto, un sacco di soldi spesi bene, non c’è niente di fuori posto – mi fa quasi venire voglia di sapere come sia venuto il 3d, brrr… D’altra parte il suo grande pregio è anche il suo peggior difetto: questo film è “solo” puro intrattenimento. Cosa che lo caratterizza come saga rispetto ai film “straordinari” citati in precedenza: in quelli c’era la voglia di buttarsi in un nuovo corso, quello del disegno digitale, e di raccontare cose nuove, anche fortemente provocatorie, terribili, mordaci. Si trattava di satira all’americana, quella meno politicamente corretta. Era sempre America, ma almeno nella sua versione meno rispettosa, per certi versi quella più onesta, più genuinamente – passatemi il termine – stronza. Kung Fu Panda 2 è il gioiello, la punta di diamante, per così dire, nel rapporto investimento/guadagno, di una seconda ondata di cartoni animati (ai cui standard anche gli ultimissimi capitoli di Shrek e L’era glaciale si sono dovuti inevitabilmente adeguare) i quali hanno preso l’esperienza estetica e contenutistica di quel momento, a cavallo tra il Novecento e il nuovo millennio, in cui la produzione di cartoni animati di massa incontrava una tecnologia e una generazione di autori con tanta volontà di esplorare, e l’hanno resa conforme alle aspettative del grandissimo pubblico; appiattendone lo spirito, rendendolo innocuo, riproducibile in copia, cambiando qua e là giusto i vestiti e la razza delle bestie. Insomma: la solita operazione all’americana. Tuttavia nel vascone delle opere fotocopia (che siano belle o brutte non importa) Kung Fu Panda 2 spicca per la sua qualità assoluta. Andatevelo a vedere e divertitevi tutti.

Una nota a margine: il doppiaggio italiano. Il cast statunitense è stellare (Jack Black, Angelina Jolie, Dustin Hoffman, Jackie Chan, Gary Oldman, Seth Rogen, perfino un cameo di Jean Claude Van Damme), quello italiano punta tutto sulla presenza di un non-attore, tal Fabio Volo, famosissimo artista e intellettuale noto per le sue doti di… boh. Il suo doppiaggio non è dei peggiori (Dj Francesco in Robots distrugge quel poco di dignità che al film restava): direi che è il penultimo. Incapace di recitare, si difende solo nelle parti in cui il panda fa lo scemo. Fortuna per lui che il panda faccia lo scemo nel 90 per cento del film. Il resto invece viene rovinato dalla sua incompetenza. All’altro angolo c’è il doppiatore del pavone Shen, Massimo Lodolo, noto per aver doppiato… ehm… chiunque. È la voce del cattivo per eccellenza in centinaia di film: pensate a un titolo, pensate al cattivo… ecco, è lui. In questa particolare circostanza dà il meglio di sé, è straordinario e coinvolgente, incarna alla perfezione il personaggio, e alla fine ti viene quasi da pensare “Gary Oldman? Chi era costui?”.

Buon Panda a tutti.

Francesco Rigoni

Annunci

12 thoughts on “kung fu panda 2

  1. Don Bluth! Certo che sì! Io me lo ricordo soprattutto per dragon’s lair e space ace (ma sono un nerd duro) ma Brisby e il segreto di nimh effettivamente era stràfico.
    Non entro nel merito del film (che non ho visto) se non per fare una domanda e una precisazione:
    -ma il panda fa karate o kung fu?
    -fabio volo, noto per le sue doti di… panettiere

    1. ehi, don bluth ha diretto anche “alla ricerca della valle incantata” e “fievel sbarca in america”! due must di quando ero piccolo! ganzo..
      e basta con questa ironia su fabio volo, siete tutti invidiosi solo perché lui sa fare ??? e voi no.

  2. ma guarda, io non sono invidioso di Fabio Volo, è un discorso di competenze. Se lui continuasse a fare il … io non avrei nulla in contrario, non fatico a riconoscere che sia uno dei migliori … al mondo.
    Il panda fa a botte come un popolo orientale che si presume sia cinese, la tecnica che usa non interessa a un americano. Un americano medio ignora dove sia Toronto, figurati la Cina.

  3. un perfetto compendio di:
    – nostalgia
    – rabbia
    – promozione
    – approfondimento
    – distacco dalla “plebe”
    – onestà

    tutto in un solo articolo!

  4. una cosa che mi sono dimenticato di dire e che sta venendo su negli ultimi anni è questa: il tributo al disegno “analogico”. C’è in Kung Fu Panda, c’è in Harry Potter, secondo me sta diventando una roba trendy come quella delle radio che dicono “Radiodramma” e sembra che parlino delle macchine volanti di Leonardo: una cosa assolutamente normale e anzi che dovrebbe rappresentare il prodotto più semplice da propinare diventa una chicca da intenditori, probabilmente perché non c’è più tempo/denaro per lavorarci su, e in più spacciandolo per un’arte che ha toccato il massimo dell’innovazione (quando invece il disegno animato “analogico” avrebbe ancora eoni di possibilità narrative di cui, come sempre, agli americani non gliene può fregar di meno)

  5. va beh miyazaki è un alieno, è il messi/jordan/woods/federer della cinematografia animata: semplicemente non si capisce da dove gli vengano tutte quelle idee, tutte così fighe. Va anche detto che i japu hanno un modo diverso di concepire il disegno a fumetti e il disegno animato, con iter istituzionalizzati e figure professionali molto più precise, studi molto grandi e questa loro tradizione fa sì che il computer abbia preso pochissimo campo rispetto al resto del mondo. Se non altro facendone un uso bilanciato. Che poi, il problema non è usare tanto poco il computer, ma non trattare il disegno artigianale come il nonno in piena fase senile e lasciarlo sul divano a guardarsi la Clerici in tv; che poi si finisce a lamentarsi che gli anziani votano Berlusconi.

  6. L’ho visto in 2D…è stato un grave errore. Era evidente che fosse studiato per creare il mal di testa con tutti i combattimenti, le botti rotolanti, cadute, voli ecc… la storia era la solita: buoni vs cattivi. Vincono i buoni e il più apparentemente tonto è sempre il più saggio…. Ma questo lo sapevamo già… Il gioco comico del panda-mangione eroe del karate aveva stupito nel primo, ma qui non si trova più niente di nuovo. Il massimo che sono riusciti a fare è stato un abbraccio tra la dura-dura tigre e il nostro panda. Insomma tanti sorrisi e nessuna vera risata…peccato…. E’ vero che il doppiaggio ha fatto la sua (brutta) parte. Fabio Volo dovrebbe essere bandito dagli studi di registrazione. Non avevo mai sentito tante intonazioni stupide (per fortuna non ho visto Robots). Se proprio volete vederlo è bene cedere al 3D e soprattutto guardarlo in lingua originale!!!!

    1. ma cambierà poi così tanto in versione 3d? per esperienza ormai ho capito che il 3d non migliora di molto un film mediocre..
      ma fabio volo piace a qualcuno? perché lo fanno lavorare se tutti lo schifano? capisco ancora in radio o tv, ma in un film è davvero fastidioso..
      ciao!
      alberto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...