il castello nel cielo

TENKU NO SHIRO RAPYUTA (Giappone 1986)

locandina il castello nel cielo

Continua il lodevolissimo progetto della Lucky Red di (ri)distribuire nelle sale italiane i vecchi film di Hayao Miyazaki, maestro giapponese dell’animazione scoperto solo di recente, con il solito ritardo, dal pubblico nostrano. Dopo Totoro e Porco Rosso tocca questa volta a Il castello nel cielo, del 1986.

La vicenda è piuttosto complessa e ruota intorno alla misteriosa città volante di Laputa, sorta di Atlantide nascosta nei cieli, oggetto del desiderio – per le ricchezze e i segreti militari in essa nascosti – di esercito e pirati.

Non il miglior Miyazaki. Certo, i punti di forza della sua poetica (solo per citarne alcuni: il pacifismo, l’ecologismo, la presenza di donne forti e dispotiche, la passione per l’aria e per tutto ciò che vola, l’amore – platonico – che lega indissolubilmente protagonisti di giovane età, l’alternarsi di scene buffe con altre di grande drammaticità…) ci sono tutti, ma in generale il film, decisamente troppo lungo, si perde un po’ tra scene di battaglia eccessivamente complesse, inseguimenti che sembrano non finire mai e personaggi non del tutto riusciti (come il supercattivo con gli occhiali da sole, troppo monodimensionale nella sua perfidia, laddove invece i migliori villain miyazakiani sono sempre caratterizzati da una certa bonarietà a smussarne gli angoli). Esagerati anche gli aspetti horror-apocalittico-bellicosi della vicenda, anch’essi privi di quella leggerezza tipica delle opere migliori del regista (dove comunque il dramma non manca mai, sebbene spesso mitigato da un inguaribile e toccante ottimismo). Si fanno apprezzare moltissimo, al contrario, alcune scene di struggente poesia che vedono protagonisti i piccoli Pazu e Sheeta, come l’arrivo della ragazzina dal cielo direttamente tra le braccia di lui o le prime immagini dell’isola volante, paradiso disabitato di commovente bellezza (sequenza alla cui riuscita contribuisce anche lo splendido commento musicale).

I veri capolavori di Miyazaki (i già citati Totoro e Porco Rosso, ma soprattutto La città incantata) sarebbero arrivati di lì a pochi anni, ma un ripasso di uno dei primi e più ambiziosi film dell’Autore per eccellenza dell’animazione giapponese non può certo far male.

Alberto Gallo

Annunci

4 thoughts on “il castello nel cielo

  1. Nella mia classifica personale il primo posto se lo giocano la città incantata e Totoro… seguiti di poco dalla principessa Mononoke e Nausicaa…

    1. nausicaa mi manca purtroppo! mononoke invece l’ho trovato un po’ incasinato, esagerato, come questo castello nel cielo. preferisco il miyazaki più intimo, meno epico.. in ogni caso la città incantata è la sintesi perfetta di queste 2 anime dell’autore..
      ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...