gravity

GRAVITY (Usa-Uk 2013)

locandina gravity

Mi spiace usare parolacce da saggio universitario o, peggio ancora, da comunicato stampa come “esperienziale” o “immersivo”. Ma la verità è proprio questa: Gravity, ritorno in grande stile del regista messicano Alfonso Cuarón dopo i fasti dell’ormai vecchio (e bellissimo) I figli degli uomini, più che un film è un’esperienza. Assolutamente appassionante, incredibilmente avvincente. Di quelle da lasciare lo spettatore a bocca aperta, con il batticuore e un perenne “speriamo che ce la faccia” a ronzare in testa.

Che poi la vicenda è semplice semplice: Ryan Stone e Matt Kowalsky (Sandra Bullock e George Clooney, ma potevano anche prendere me e mia nonna, per quanto conta in questo film l’interpretazione attoriale) sono due astronauti. Timida, seria e inesperta lei, brillante e scafato lui. Se ne stanno a passeggio nello spazio, con la Terra in tutta la sua bellezza e le stelle a fare da sfondo, quando una pioggia di detriti spaziali incrocia la loro posizione: distrutta la navicella che dovrebbe riportarli a casa e ucciso tutto il resto dell’equipaggio, Stone e Kowalsky devono trovare il modo di sopravvivere e, possibilmente, tornare sulla Terra.

Interamente ambientato nello spazio (nessun flashback, nessun sogno o allucinazione che riporti i protagonisti, e dunque lo spettatore, anche solo per un istante sul nostro pianeta), Gravity è un film capace di farti letteralmente mancare il respiro e il terreno sotto i piedi. Merito soprattutto di una regia e di una fotografia (e pure di un montaggio sonoro) che definire virtuosistiche sarebbe un eufemismo: interminabili piani sequenza, impensabili movimenti di macchina, soggettive, primi piani ravvicinatissimi alternati a inquadrature dello spazio profondo (alcune panoramiche sono state fornite direttamente dalla Nasa), silenzi, esplosioni di rumore… c’è di tutto. Ma è un tutto gestito con estrema eleganza, in maniera quasi naturale, senza la necessità di strafare, come se certe scene non avessero di per sé fornito la possibilità di essere girate in un altro modo. Persino i dialoghi, che in un film pseudofantascientifico come questo potrebbero risultare accessori, sono invece ben scritti, con qualche eccesso di patetismo giusto verso il finale. A essere discutibile è semmai la vicenda in sé, estremamente improbabile, talvolta ai limiti del ridicolo (come quando la ragazza utilizza un comune estintore per volare nello spazio e dirigersi verso una navicella che potrebbe salvarle la vita), ma se è la verosimiglianza che cercate, be’, avete decisamente sbagliato posto, o quantomeno sala.

Versione filmata di un’attrazione da parco dei divertimenti o pellicola d’autore? Forse entrambe le cose. Geniale l’idea di scegliere Ed Harris (di cui, nella versione originale in inglese, si sente soltanto la voce) per il ruolo del mission control da Houston, lo stesso che interpretò diciotto anni fa in Apollo 13.

Alberto Gallo

Annunci

5 thoughts on “gravity

  1. Condivido..tranne il discorso sull’estintore e sulla recitazione. La scena che lo riguarda, anche se impossibile agli occhi dei profani. è invece secondo scienziati della Nasa ed altri enti la più veritiera. Per quanto riguarda invece la recitazione, trovo che la Bullock abbia portato sullo schermo una prova magistrale…capace di far provare un assoluta empatia col suo personaggio. Insomma…io e mia nonna sicuramente non ci saremmo riusciti…eheheh…

    1. ehehe, sì forse ho esagerato con la storia degli attori, e la bullock è stata anche brava, però intendevo dire che è un film completamente del suo regista, e il merito della bravura del (piccolo) cast è soprattutto sua. avrebbe potuto far recitare bene molti altri interpreti, secondo me, perché è un film girato da dio.

  2. Ho visto Gravity, mi è piaciuto molto. Il senso di apnea è palpabile, la fuga coinvolge; suoni e viste spaziali mozzafiato. Non credevo che la Bullock sarebbe stata in grado di interpretare un ruolo del genere. Sì, l’estintore mi ha fatto sorridere. Come anche il pretesto dei detriti spaziali: quale nazione al mondo darebbe il via all’esplosione di un satellite che si trova nella stessa orbita della ISS? Per il resto, chapeau!

    1. io non me ne intendo assolutamente, quindi forse è anche per quello che non ho fatto poi così tanta fatica a sospendere la mia incredulità.
      (una pioggia di meteoriti o qualcosa del genere sarebbe forse stata più plausibile? boh!)
      sì, decisamente chapeau! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...